Parte da Capo d’Orlando la sfida di “Whims”. Tre giovani imprenditori scommettono sul futuro

5404

Parte dall’intraprendenza di tre giovani orlandini la scommessa di poter fare impresa, in un settore altamente concorrenziale come quello delle bibite analcoliche, anche in Sicilia. Anzi, proprio il legame con la propria terra diventa la base su cui poggia l’intero progetto di Alessandro, Salvo e Alessandro che hanno dato vita a Whims, una giovane azienda nata proprio a Capo d’Orlando creando softdrink che contengano i sapori della lunga tradizione nella produzione agrumicola della città.
Così sono state commercializzate tre bevande “storiche” di quest’angolo di Sicilia, (la gazzosa, la spuma ed il chinotto) rivisitandone, in chiave moderna, le antiche ricette. Ricordando le fresche bevande di un tempo è nata una linea di soft drink: Soda, Vanilla Soda, Chinotto.
Gli ingredienti sono gli agrumi: semplici e genuini che vengono reperiti sul territorio.
“Whims- spiega Alessandro Calanna- nasce dalla voglia di tre amici di fare qualcosa di importante per se stessi e per il proprio territorio.  Il nostro progetto, fin dalle origini, mira alla produzione di una linea di softdrink di alta qualità, soprattutto negli ingredienti, e per questo motivo dobbiamo e vogliamo rivolgerci ad una fascia di mercato medio-alta”.
“Intendiamo valorizzare i profumi ed i sapori originali – aggiunge Alessandro Palmeri – reinterpretandoli attraverso una veste moderna e più “internazionale”, vogliamo creare una corretta alchimia tra la sicilianità di un tempo ed il made in Italy al passo coi tempi.  A ridosso della primavera ci saranno importanti novità. Presenteremo la nostra sicilian tonic, la cui ricetta è figlia di un’attenta ricerca degli ingredienti che la caratterizzeranno”. Il primo lancio dei prodotti è già avvenuto nelle scorse settimane legando il marchio ad un’altra eccellenza del comprensorio: l’Orlandina Basket che milita in serie A.
“Crediamo nella nostra terra, per questo abbiamo deciso di scommettere nella nostra Sicilia- dice il terzo socio, Salvatore Galipò- ci ha spinto la voglia di creare, di metterci in gioco al 100%. Con molti sacrifici e voglia di fare siamo riusciti a creare un prodotto innovativo”.