Sequestro di due fratelli, un arresto al confine con la Slovenia

1335

E’ stato arrestato al valico di frontiera tra Italia e Slovenia il quarto responsabile del sequestro di due giovani lo scorso agosto a Santa Lucia del Mela. Il 23enne rumeno  Vasile Costantin Cimpoesu è stato bloccato su ordinanza di custodia cautelare in carcere,emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari di Messina. L’uomo, insieme a tre complici, Salvatore Bella,  37 anni, di Milazzo, Quarto Francesco Bella, 54 anni, di Santa Lucia del Mela e Salvatore Bella Junior, messinese, 18 anni appena compiuti, aveva attirato due fratelli rumeni ci cui uno di 10 anni in un tranello per poi costringerle a salire su un’auto e sequestrarle per ben tre ore. Avevano quindi separato i fratelli per indurre il maggiore a parlare minacciando di far del male al più piccolo. Quest’ultimo era stato segregato in un locale chiuso a Santa Lucia del Mela, il maggiore in un luogo isolato a San Filippo del Mela dove era stato legato ad un palo e picchiato, quindi chiuso nel bagagliaio dell’auto. Il pestaggio selvaggio era poi proseguito in una zona isolata del Torrente del Mela. Causa scatenante di tanta violenza una moto da cross, rubata pochi giorni prima. I quattro responsabili erano stati velocemente individuati grazie all’intervento dei poliziotti del Commissariato di Polizia  di Barcellona. Tre dei quattro sono stati arrestati subito dopo i fatti.  Mancava il quarto, il Cimpoesu, che era riuscito a dileguarsi fino all’arresto al confine. Il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto ha rinviato a giudizio i responsabili del sequestro che compariranno in tribunale il prossimo 4 maggio.