Sant’Agata, teneva in casa il cadavere di un anziano morto da giorni. Fermato un 33enne

9574

E’ mistero intorno al ritrovamento di un cadavere in via Vittorio Veneto a Sant’Agata Militello. Il corpo, in stato di decomposizione, è stato trovato in camera da letto, in un appartamento al secondo piano di una palazzina nella quale vive un 33enne attualmente sottoposto ai domiciliari (nella foto esclusiva la porta d’ingresso dell’appartamento).
I Carabinieri della Stazione di Sant’Agata Militello lo hanno scoperto durante un controllo nei confronti di quest’ultimo. Il sospetto dei militari è che la vittima possa trattarsi del padre del pregiudicato che viveva con lui e che risultava ammalato da tempo.
Sospetto fondato ma che sarà sciolto definitivamente con l’esame autoptico grazie al quale accertare anche le cause del decesso. Il 33enne è stato quindi sottoposto a stato di fermo con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale ma già domani, in occasione dei rilievi del Ris, l’accusa potrebbe cambiare. Due infatti le piste che i Carabinieri stanno battendo. O che l’anziano sia morto per cause naturali ma il figlio abbia deciso di non denunciare il decesso per continuare a percepire la pensione oppure che il pensionato possa essere stato ucciso.