Home Giudiziaria "Patti&Affari", altro stop dal Tribunale del Riesame

“Patti&Affari”, altro stop dal Tribunale del Riesame

- Advertisement -

Arriva a distanza di tre mesi la sentenza del Tribunale del Riesame di Messina che ha rigettato i ricorsi della Procura della Repubblica di Patti sulla differente, o in alcuni casi mancata applicazione, delle misure cautelari rispetto alle richieste dal pm nell’ambito dell’operazione “Patti&Affari”. L’inchiesta che mise nel mirino il sistema di affidamento degli appalti per i servizi sociali nel distretto socio sanitario D30, sfociò il 19 Agosto scorso nell’emissione di 7 provvedimenti cautelari. Il sostituto procuratore della Repubblica , Rosanna Casabona, aveva proposto istanza al Riesame per contestare i provvedimenti emessi dal Gip Ines Rigoli riguardo le posizioni dei vari indagati dei quali, lo ricordiamo, in quattro furono raggiunti da arresti domiciliari, uno da divieto di dimora e due funzionari comunale sospesi. Il ricorso della Procura riguardava però anche le posizioni dei politici coinvolti nell’inchiesta, in particolare i sindaci di Patti e Librizzi, Mauro Aquino e Renato Cilona, e dell’assessore pattese Nicola Molica, per i quali il pubblico ministero aveva chiesto l’applicazione del divieto di dimora. Il Gip nella propria ordinanza non aveva riscontrato un quadro indiziario tale da giustificare l’applicazione di quelle misure, decisione confermata adesso dalla pronuncia del Riesame dopo la discussione avvenuta lo scorso 28 Settembre. Già dal primo passaggio al Riesame, l’impianto accusatorio dell’inchiesta “Patti&Affari” uscì in qualche modo ridimensionato.  Secondo i giudici, che annullarono le varie misure cautelari, infatti, oltre al venir meno delle esigenze restrittive nei confronti dei soggetti colpiti, vennero a cadere, in ottica cautelare, le ipotesi accusatorie riguardo al reato associativo ed alla frode in pubbliche forniture, mentre furono attenuate le esigenze cautelari riguardo l’ipotesi di turbativa d’asta.

 

- Advertisement -

Più lette della settimana