Mirto, concerto del CariCoro Hemiolia

337

Lo stile del ClariCoro Hemiolia che si è sposato perfettamente con l’eleganza del Museo del costume e della moda siciliana di Mirto. Il ClariCoro Hemiolia si è esibito in un concerto di musica da camera nel Salone delle Capriate di Palazzo Cupane. Il concerto organizzato dall’Amministrazione Comunale ha riscontrato pareri positivi tra il pubblico presente in sala mettendo in risalto le note del clarinetto. Un corale introduttivo e poi “Eine kleine nachtmusik” di Mozart. I soli di “E lucean le stelle” di Tosca, I Capuleti e I Montecchi eseguiti eccellentemente dal  maestro Salvatore Botta clarinettista mirtese con all’attivo diverse incisioni e pubblicazioni della casa editrice Wiki. Ma anche Ernani eseguito da Ivan Corona, studente all’ultimo anno del Conservatorio A. Corelli di Messina. La prima parte prettamente classica si è conclusa con l’esecuzione di “Quadri di un’esposizione” di Musorgskij. Mentre nella seconda parte, di carattere moderno, si sono eseguiti brani di M. Mangani e Jan Van der Roost, per finire con una dolcissima White Christmas per entrare nel clima natalizio, il tutto diretto dalla carismatica bacchetta del M° Salvatore Crimaldi anch’esso clarinettista oltre che affermato direttore. Il ClariCoro Hemiolia, ultimo gruppo nato all’interno dell’Associazione di promozione sociale Pentamusa ( un consorzio di 5 associazioni che operano da anni nel territorio dei Nebrodi collaborando tra di loro e che nel giugno di questo anno, hanno istituito l’Accademia Musicale Nebroidea convenzionata con il conservatorio Bellini di Palermo, nei locali di Rocca di Caprileone ) nasce per conoscere e sfruttare tutte le potenzialità timbriche della famiglia del clarinetto in un gruppo strumentale che può raggiungere sonorità uniche, abbracciando quasi tutta l’estensione di un’orchestra.