Home Giudiziaria Brolo, per il Giudice del Lavoro "illegittimo" il distacco di Adriana Gaglio

Brolo, per il Giudice del Lavoro “illegittimo” il distacco di Adriana Gaglio

- Advertisement -

Il provvedimento con cui il Sindaco di Brolo ha assegnato in distacco all’ufficio del Giudice di Pace di Sant’Angelo di Brolo la dipendente Adriana Gaglio è “illegittimo”. L’Amministrazione comunale di Brolo deve quindi  riassegnare alla Gaglio “le mansioni equivalenti a quelle d’inquadramento”. Lo ha stabilito il Giudice del Lavoro del Tribunale di Patti Andrea La Spada che si è pronunciato sul ricorso presentato da Adriana Gaglio all’indomani del suo trasferimento, scattato l’1 dicembre 2014. Il Giudice del Lavoro ha accolto praticamente tutti i rilievi dell’avvocato Pietro Speziale, difensore della Gaglio: intanto è stato sottolineato il difetto di competenza dell’organo che ha emanato il provvedimento. Non poteva essere il sindaco a firmare il trasferimento, ma semmai il dirigente responsabile della gestione del personale. Inoltre, lo stesso provvedimento è illegittimo in quanto “è stata violata la norma secondo cui il distacco deve avvenire con il consenso del lavoratore”. In questo caso, la Gaglio aveva addirittura manifestato per iscritto il proprio dissenso. L’amministrazione Brolese aveva operato il distacco sulla base della convenzione stipulata tra i comuni che fanno parte del distretto di competenza del Giudice di Pace di Sant’Angelo di Brolo, ma l’avviso di manifestazione d’interesse è stato rivolto da parte del Comune di Brolo a due dipendenti di categoria C, come previsto dalla stessa convenzione, mentre la Gaglio è inquadrata nella categoria D.
Tutti elementi che hanno fatto stabilire al giudice La Spada l’illegittimità del provvedimento, anche se l’amministrazione ha deciso di presentare ricorso contro la sentenza ricorrendo all’organo collegiale.

- Advertisement -

Più lette della settimana