Via Cordovena, Rfi fa ricorso il sindaco di Capo d’Orlando attacca

670

Ennesima puntata del durissimo braccio di ferro che contrappone R.F.I. al Comune di Capo d’Orlando. La società ha presentato ricorso al TAR contro l’ordinanza 135/2015 con la quale il Sindaco Enzo Sindoni, in ottemperanza alla sentenza del TAR che pur disponendo la chiusura del passaggio a livello, ha stabilito come la via Cordovena debba essere facilmente percorribile.
“La Giustizia Amministrativa farà il suo corso – ha commentato Enzo Sindoni con una durissima nota diramata nella giornata di ieri – ma non è necessario attendere la decisione del TAR alla quale ci rimetteremo, per avere una certezza”.
“Con quest’atto- afferma il sindaco- R.F.I. certifica, richiedendone il risarcimento nel predetto ricorso che, i costi di manutenzione sostenuti per il mantenimento dell’apertura del passaggio a livello di via Cordovena, ammontano a € 6.76 al giorno. In pratica la sicurezza degli Orlandini, vale quanto un pacchetto di sigarette o addirittura meno di un biglietto di 2^ classe da Capo d’Orlando a Messina”.
“Verrebbe da chiedersi- conclude Sindoni- perché la proposta del Comune, di farsi carico dei costi che R.F.I. sosteneva per l’apertura del passaggio a livello, non abbia trovato l’attenzione dei vertici aziendali. Mi astengo da facili ironie,  considerato il momento particolare di R.F.I., ma, non posso non evidenziare che in occasione della recente festa patronale e del contemporaneo allerta rosso (per il maltempo dei giorni scorsi), da parte della Protezione Civile, nonostante le richieste di Carabinieri e Polizia Municipale, come la via Cordovena sia rimasta chiusa. Io combatterò fino in fondo affinché la sicurezza degli orlandini”. (*SEGR*)