A piedi da Capizzi a Nicosia. Gli studenti protestano per la sospensione del servizio autobus

1404

Sono scesi per la strada ed hanno percorso a piedi oltre venti chilometri, la distanza che separa Capizzi da Nicosia. Il corteo è quello degli studenti residenti a Capizzi, circa 150 iscritti al Liceo di Nicosia. Per loro la corsa in autobus non è più garantita. Il servizio è stato sospeso perché il Comune non riesce a garantire il costo. Da alcuni giorni gli studenti di Capizzi manifestavano in aula consiliare, oggi hanno deciso di inscenare il corteo percorrendo proprio il tragitto dal loro paese sino a scuola. “Il servizio di pullman per i ragazzi di Capizzi è garantito dalla Regione che a giugno del 2015 ha accreditato il rimborso per l’anno 2012-2013 – afferma il sindaco di Capizzi Giacomo Purrazzo – . Abbiamo provveduto con fondi del comune all’anticipo degli abbonamenti per i ragazzi finché è stato possibile, ma adesso la  ditta, la Interbus, ha sospeso il servizio perchè non riceve i pagamenti dalla Regione”. La stessa situazione si verifica a carico dell’altra ditta di autolinee, l’Isea.  Anche il trasporto ordinario da Capizzi a Catania è interrotto. Il sindaco di Capizzi ha chiesto alla Prefettura di Messina di fare da intermediaria per sollecitare un incontro con l’assessore alle infrastrutture e mobilità e l’assessore agli enti locali.

(fonte Repubblica)