Barcellona, concessioni edilizie illegittime, in sei a giudizio

560

Rilascio di concessioni edilizie illegittime nella zona di Spinesante di Barcellona, per costruire villette. Con queste accuse sono stati rinviati a giudizio al 5 febbraio 2016 al tribunale di Barcellona l’ex dirigente comunale urbanistica, ingegnere, Orazio Mazzeo, l’ex responsabile dell’ufficio di edilizia privata, architetto, Carmelo Rucci, il capo equipe del piano regolatore, Giuseppe Gangemi, il proprietario del terreno su cui dovevano sorgere le villette, Domenica Mazzeo e i progettisti, Rosario Ruggeri e Filippo Gugliandolo. Il decreto di rinvio a giudizio è stato disposto dal gip, Danilo Maffa, su richiesta del procuratore capo, Emanuele Crescenti. La vicenda giudiziaria culminò il 28 maggio 2013, quando il sostituto procuratore della repubblica di Barcellona, Giorgio Nicola, richiese il sequestro preventivo dei terreni. All’epoca dei fatti, poi, gli stessi tecnici comunali ritirarono in autotutela le concessioni, proprio per questo le villette non furono realizzate. Il comune di Barcellona è stato citato come responsabile civile, rappresentato dall’avvocato, Rocco Bruzzese. Il collegio della difesa è composto dagli avvocati, Tommaso Calderone, Sebastiano Campanella, Pinuccio Calabrò, Carmelo Mobilia, Giacomo Giorgianni e Domenico Floramo.