Capo d’Orlando, un successo la rassegna “Arti Visive” di Homo Faber

301

“Soddisfatti dal livello organizzativo, dalla partecipazione degli artisti, dalla qualità delle opere esposte, dall’interesse dimostrato da alcuni Enti verso l’intera proposta artistica culturale della manifestazione e sopratutto soddisfatti e sorpresi per il livello artistico espresso dai giovani talenti”. E’ il bilancio tracciato da Nicola Chiaromonte, presidente dell’associazione Homo Faber al termine della rassegna artistica protrattasi per l’intero mese di settembre al Castello Bastione.
In questa edizione si è trovato un giusto e armonico equilibrio tra spazio e numero delle opere esposte ,equilibrio raggiunto grazie anche alla acuta visione d’insieme, e quindi disposizione, suggerita da Mario Biffarella nel ruolo di curatore.
Numerosissime sono state le valutazioni espresse nell’insieme dai visitatori anche se la parte da leone l’ha fatta la sezione pittura dove è stato premiato con il maggior numero di preferenze il dipinto dal titolo”Sicilia ,cuore ferito” di Carmela Ricciardi.
Per la sezione fotografia le preferenze popolari sono andate alla foto dal titolo “Gold Grain” di Lorenzo Cassarà, mentre la sezione grafica e sperimentazione ha visto affermarsi l’opera dal titolo “Fenicia” di Lorenzo Dipani. Infine per la sezione scultura è stata premiata l’opera dal titolo “Apocalisse” di Sandro Falconiere.
Un riconoscimento particolare da parte di una giuria qualificata è andata all’opera del maestro Pippo Coci.
Domenica 27 Settembre, si è svolto un incontro, sempre al Castello Bastione, tra associazioni d’arte ,operatori e artisti nebroidei sul tema “Arte nei Nebrodi .Costruzione di un movimento degli artisti nebroidei”.
All’incontro hanno partecipato il presidente dell’Associazione Culturale Mediterranea Farid Adly,il maestro Mario Biffarella della associazione Kermesse d’Arte, il docente e operatore d’arte Mauro Cappotto, gli artisti Angelo Restifo, Caterina D’Errico, Nanni Zangla, Lorenzo Dipani, Maria Teresa Giunta, Pippo Coci, Maria Elena Minciullo, Laura Miraglia, Gianrita Cottignoli.