Discariche non bonificate, maximulta dell’Ue

135

Erano discariche fuorilegge, dodici in tutta la Sicilia e dovevano essere bonificate. Così non è stato ed è scattata una sanzione di due milioni e 600 mila euro. Tra i siti messinesi sotto esame, quello di contrada sant’Agata di San Filippo del Mela e di contrada Muricello di Mistretta. Con la multa disposta dall’Unione Europea, sono stati presentati due esposti alla procura della repubblica di Palermo e alla corte dei conti contro Regione e comuni inadempienti. Gli esposti sono stati presentati dai deputati M5S alla Camera, all’Ars e a Bruxelles, Mannino, Ciaccio, Foti e Corrao, dopo una diffida a vuoto fatta dagli stessi parlamentari alla Regione, per sollecitare la corsa ai ripari. I deputati cinquestelle avevamo sollecitato l’intervento dell’assessorato regionale energia e rifiuti e da Palermo erano giunte rassicurazioni, anche in virtù di un raccordo col ministero dell’ambiente. Non è accaduto nulla e tutte le dodici discariche risultano ad oggi ancora nell’elenco di quelle non conformi; per il primo semestre 2015 appena trascorso, la Sicilia dovrà pagare una multa salata. Sul caso, dopo l’esposto del Movimento, potrebbero scattare le indagini penali e contabili. La prossima scadenza è quella del 2 dicembre, quando la Commissione Europea quantificherà la prossima sanzione semestrale, nella speranza che Regione e Comuni si attivino per bonificare le discariche e chiudere il caso.