Capo d’Orlando, inizio di anno scolastico con tante novità

678

E’ un anno scolastico all’insegna di grandi novità, quello che si apre ufficialmente oggi per i 1200 studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore di Capo d’Orlando. Il nuovo dirigente scolastico, Margherita Giardina, arriva a guidare la scuola in cui ha insegnato per circa 20 anni e che da quest’anno accorpa i licei classico, scientifico, linguistico, sportivo, scienze applicate, l’Istituto professionale per l’agricoltura e l’ambiente, il professionale odontotecnico e il liceo artistico.
Ieri il dirigente ha incontrato tutto il corpo docente per  presentare i progetti d’istituto e impartire le linee guida per un anno di svolta: quello che segue la riforma del governo Renzi.
“Effettivamente la scuola cambia- spiega Margherita Giardina- e punta a preparare i giovani ad affrontare il mondo del lavoro che li attende. Per questo l’obiettivo che mi sono prefissata è quello di aprire alle aziende del territorio dalle quali mi attendo la massima collaborazione. Con loro vogliamo avviare attività in cui i ragazzi siano protagonisti fuori dall’orario delle lezioni in classe”.
“Una bella risposta- aggiunge il dirigente scolastico- è stata quella del sindaco Enzo Sindoni che, anche in qualità di dirigente dell’Orlandina Basket ha messo a disposizione impianti e tecnici per affiancare il nostro Liceo Sportivo che conta già su due classi con 50 iscritti complessivi”.
Questa mattina i ragazzi delle prime classi di tutti i corsi dell’IIS “Lucio Piccolo” verranno accolti a scuola dai docenti. Con loro ci saranno i genitori proprio per conoscere tutta l’offerta formativa e le idee che metterà in campo l’Istituto. Poi, da lunedì, si comincerà con la normale didattica.
In attesa del cambio di plesso per i ragazzi del Liceo Linguistico che, dopo la decisione della Provincia di eliminare il plesso distaccato della Ragioneria a Piana (in affitto), lasceranno a quest’ultimi la palazzina di via Forno per trovare posto nel moderno edificio di contrada Santa Lucia che sino ad oggi è stato parzialmente occupato dall’Ipaa.