Edilizia scolastica, lavori per 40 milioni in Provincia

308

Sono stati approvati i piani annuali 2015 e 2016 degli interventi di edilizia scolastica. In Sicilia, su centoventuno lavori, per oltre 83 milioni di euro, quaranta sono della provincia di Messina: ventuno nell’area tirrenica, sei della jonica e tredici sui Nebrodi. Tutti interventi finalizzati all’adeguamento delle scuole e per rendere gli ambienti più accoglienti e sicuri. Scorrendo la graduatoria 2015, si trovano, tra le altre, la scuola di contrada Sfaranda di Castell’Umberto (1.995.000,00 euro), la scuola materna centro di San Pier Niceto (980 mila euro), l’istituto “Tuccio” e “Lo Gullo” di Monforte San Giorgio (660 mila euro), la scuola di Furriolo e Santa Lucia di Capo d’Orlando (800 e 751 mila euro), le scuole elementari “Crisafi” di San Marco d’Alunzio (505 mila euro), la scuola dell’infanzia di Sinagra centro e Gorghi (600 e 416 mila euro), la scuola dell’infanzia di Fiumara e infanzia-primaria e civica della musica di Piraino (581 e 325 mila euro), la scuola “Filippo Buttà” di Naso (793 mila euro), la scuola elementare “Crispi” di Cesarò (526 mila euro), la scuola “Caldarera” di Sant’Angelo di Brolo (720 mila euro), la scuola dell’infanzia di Pettineo (484 mila euro), la scuola “Salvo D’Acquisto” di Olivarella di San Filippo del Mela (800 mila euro), la scuola dell’infanzia e primaria di Colla e Santa Maria di Librizzi (535 e 100 mila euro), le scuole “Verga” e “Cairoli” di Barcellona (500 e 724 mila euro), l’istituto comprensivo “D’Arrigo” di Venetico (768 mila euro), l’istituto comprensivo di San Piero Patti (800 mila euro), la scuola “Carollo” di Merì (450 mila euro), la scuola di via Trento di Brolo (799 mila euro), la scuola “1 Maggio” di Terme Vigliatore (738 mila euro), la scuola “Setti Carraro” di Caprileone (540 mila euro). Per il 2016 c’è la scuola di via San Nicolò di Ucria (479 mila euro).