Energie rinnovabili, fondi in provincia di Messina

1279
landscape with solar panel

Sono ventitrè le istanze proveniente da comuni della provincia di Messina ammesse alle agevolazioni previste  dall’Avviso pubblico CSE 2015 – Comuni per la Sostenibilità e l’Efficienza energetica con le risorse finanziarie del POI Energia. Il Ministero dello Sviluppo Economico ha infatti completato l’assegnazione degli 80 milioni di fondi, destinati in totale a 721 istanze, provenienti da 460 amministrazioni comunali, di cui 85 in Sicilia. La notizia giunge dal Senatore santagatese del Nuovo Centro Destra Bruno Mancuso, che plaude la Senatrice, collega di partito Simona Vicari, sottosegretario al Ministero per lo sviluppo economico.
bruno_mancuso“Un plauso ed un ringraziamento vanno al Sottosegretario Simona Vicari – afferma il Senatore Bruno Mancuso – per l’impegno profuso nell’iter per la definizione del programma operativo. Grazie a questi stanziamenti – sottolinea Mancuso – i comuni avranno un’opportunità unica per realizzare progetti di efficientamento e produzione di energia da fonti rinnovabili a servizio degli edifici pubblici”. In provincia di Messina giungeranno fondi, come detto, per 23 progetti, provenienti da 19 amministrazioni comunali. Le risorse, inserite nel Programma Operativo Interregionale energie rinnovabili e risparmio energetico 2007/2013, sono distribuite in appositi capitoli destinati ad interventi per fotovoltaico, pompe di calore, solare termico e relamping. Il comune di San Salvatore di Fitalia ha ottenuto, infatti, l’ammissione per due diverse istanze, per un totale di poco superiore a 146 mila euro. Tre istanze approvate per San Piero Niceto (€ 207.284), e due anche per Furnari (€ 140.867). Gli altri comuni del messinese che riceveranno le risorse sono: Capri Leone (€ 54.277), Condrò (€ 87.840), Frazzanò (€ 94.980), Montalbano Elicona (€ 168.714), Novara (€ 53.412), Oliveri (€ 56.629), Pagliara (€ 69.906), Roccafiorita (€ 89.535), Roccavaldina (€ 141.087), San Marco d’Alunzio(€ 133.969), Sant’Alessio Siculo (€ 239.447), Saponara (€ 115.787), Savoca (€ 145.447), Torregrotta (€ 55.269), Torrenova (€ 153.890)  e Venetico (€ 149.545).