La Tiger scompare, l’Orlandina quasi…

115

Orlandina si, Tiger no. Scompare nuovamente la gloriosa società brolese, sopravvive, almeno per ora, quella paladina. Come era nelle previsioni anche nella prossima stagione sportiva saranno diversi i sodalizi che concluderanno ingloriosamente la propria esistenza sportiva. E’ il caso della Tiger di Brolo che lacerata da lotte intestine e soffocata dai debiti, dopo aver toccato il cielo dei dilettanti, sembra che in queste ore abbia inviato in Lega una lettera con la quale annuncia il ritiro dall’attività agonistica. Fine ingloriosa senza dubbio, ma quello che fa rabbia è come o perché sia potuto accadere, considerato che il patron Nino Tripi è anche assessore allo sport e che il suo socio paritario, Irene Ricciardello è il Sindaco della città. Primo Cittadino che, secondo i bene informati, sarebbe anche stato disposto a continuare da solo l’avventura in Ecccellenza, ma la proposta, sembra, sia stata respinta al mittente. Debiti su debiti, dicevamo, colpa di una programmazione sbagliata durante gli anni, ma anche di estemporanee e scriteriate scelte, fatte per aggiustare il giocattolo ormai rotto. Qualche chilometro più a Ovest gli anonimi dirigenti dell’Orlandina che hanno ridicolizzato una delle maggiori espressioni calcistiche della Sicilia, continuano imperterriti a navigare a vista. Forse sarebbe più corretto dire che hanno scelto di allungare l’agonia del sodalizio, poiché anche il prossimo campionato di Eccellenza, stando così le cose, dovrebbe avere la sorte già segnata. Sono infatti diverse le vertenze di giocatori e allenatori degli ultimi due anni, che nei prossimi mesi immancabilmente busseranno alla porta. La squadra? Quella che si presenterà al campionato di Eccellenza? Beh di quella c’è davvero poco da dire: affidata ancora una volta allo specialista Santo Mazzullo, la sua sorte è segnata prima ancora di iniziare. L’organico infatti sarà esclusivamente composto da giovani che hanno voglia, ma soprattutto il coraggio di affrontare un torneo con un unico obiettivo: la retrocessione.