La tragedia di Vincenzo: la Tac conferma l’incidente

83

Sulla morte del ventiduenne Vincenzo Liotta, lo studente palermitano ritrovato carbonizzato nel casa estiva della famiglia, nei pressi della pineta di Piraino, si fa sempre più strada l’ipotesi che a causare la tragedia sia stato un incidente con il barbecue. Secondo i primi risultati della Tac eseguita sul corpo del ragazzo prima dell’autopsia, sarebbe esclusa la pista del suicidio e dell’omicidio camuffato. “I lividi presenti sulle parti del corpo carbonizzate – spiegano i carabinieri del comando di Patti -, sembrano essere compatibili con una possibile caduta avvenuta dopo l’esplosione oppure un ritorno di fiamma. Soltanto attraverso l’esame approfondito della Tac è possibile individuare possibili lesioni interne ed esterne Attendiamo ad ogni modo, ulteriori esiti compresi quelli degli esami istologici e dei reperti prelevati sul luogo della tragedia dai colleghi del Ris”. Tutti risultati che,  a meno che non ci sia un colpo di scena,  arrivano non prima dei 60 giorni.