Distribuzione giornali, Sindaci pronti alla denuncia

0
134

Si allarga ai comuni della Valle della Halesa, la protesta dei sindaci dei Nebrodi contro la decisione dell’Agenzia Toscano di Messina di sospendere il servizio di distribuzione di quotidiani e periodici in 23 comuni del territorio a partire dal prossimo 2 febbraio. L’azienda nell’ultimo mese dell’anno, infatti aveva annunciato che avrebbe interrotto la fornitura dei giornali in un’ampia fascia della provincia di Messina, soprattutto nell’area montana o collinare, da Ficarra a San Fratello, da Galati Mamertino a Furnari, perché troppo costoso per la stessa ditta. Una che i sindaci provano a contrastare in tutti i modi. Dopo diversi incontri, sempre più partecipati, ieri, nell’aula consiliare del comune di Mistretta, amministratori e sindacati hanno deciso di dare mandato al sindaco di Ficarra Basilio Ridolfo, a capo della “protesta”, di predisporre tutti gli atti necessari a formalizzare una denuncia nei confronti della ditta ed all’autorità garante della concorrenza e del mercato per abuso di posizione dominante.  Inoltre, sindaci e sindacati hanno chiesto al primo cittadino di Mistretta, Liborio Porracciolo, di farsi portavoce del territorio e di chiedere un incontro urgente al presidente della Regione Rosario Crocetta per cercare di risolvere il problema. I sindacati, da parte loro, si sono resi disponibili  a tutelate, nelle opportune sedi, gli interessi legittimi dei rivenditori, dichiarando, lo stato di agitazione della categoria con l’impegno di organizzare prima possibile, una manifestazione di protesta, dichiarando ufficialmente di non accettare e condizioni imposte dall’agenzia Toscano, invitando i rivenditori a non ritirare i giornali e riviste presso i luoghi stabiliti in modo unilaterale dalla stessa ditta.

di Teresa Sanfilippo