Orlandina calcio, indaga la Procura Federale

0
178

L’ufficio inchieste della F.I.G.C. sembra che stia indagando a 360 gradi sull’Orlandina. Le notizie che giungono da Roma sono ovviamente frammentarie, ma bastano a disegnare un quadro chiaro, di come la società sia stata messa da tempo sotto la lente d’ingrandimento degli 007 federali. Tutto è cominciato con il famoso 6 – 0 di Agropoli, era il lontano 2 novembre del 2014, questa fu anche una delle prime gare, sotto la gestione di Saverio De Benedictis. E proprio l’arrivo del magnate italo canadese, già protagonista di altre sfortunate scalate societarie ed il risultato anomalo, ad insospettire la procura federale che si mise subito al lavoro. Secondo episodio, la gara del 23 novembre con il Comprensorio Montalto. Anche in questo secondo caso, l’incontro era tra quelli quotati da alcune importanti agenzie di scommesse, l’Orlandina si presentò solamente con 7 giocatori, ma l’uscita dal campo, dopo pochissimi secondi dal calcio d’inizio, del giovane Marco Campelli fece saltare il coperchio. L’incontro fu subito dichiarato concluso dal direttore di gara, Campelli poi squalificato e la società oltre ad essere multata fu penalizzata di un punto. Da quel momento il procuratore federale non ha più perso di vista la società di Capo d’Orlando, la frettolosa uscita di scena di De Benedictis e dopo qualche settimana anche l’incredibile arresto del patron Romagnoli, sembra che abbiano addirittura innalzato il livello d’attenzione sulla società messinese. L’ultimo eclatante spunto sono state proprio le dimissioni di De Benedictis e del vice presidente Curasì, fatte pervenire a Roma dai diretti interessati, ma fino alla scorsa settimana non ratificate da un verbale d’assemblea della società. In questo caso è stato direttamente l’ufficio tesseramenti a chiedere l’intervento della Procura Federale. Sembra che stando così le cose, l’Orlandina sia in una situazione anomala, non abbia in carica un consiglio direttivo dunque, nessuno in grado di prendere decisioni e quindi di firmare tesseramenti e trasferimenti. Ecco perché l’ufficio competente si era attivato prima ancora del ricorso presentato questa settimana dalla Nuova Gioiese che chiede per la gara con il Due Torri a cui hanno preso parte Matinella e Treppiedi, il 3 – 0 a tavolino. Infine i certificati medici. Ogni tesseramento deve avere l’idoneità sportiva, la società anche dopo la cessione è obbligata a conservarne una copia, l’Orlandina lo ha fatto? Come nelle precedenti puntate, la telenovela continua…