Rifiuti, situazione in bilico a Sant’Agata

0
74

Ruota attorno alla firma della delibera per l’immediato trasferimento alla ditta di una parte del prestito ricevuto dal Comune dalla cassa depositi e prestiti per il pagamento dei debito con l’Ato, la ripresa della raccolta rifiuti a Sant’Agata Militello. I dipendenti della Multiecoplast, in sciopero ormai da quattro giorni, attendono notizie certe sull’impegno che l’amministrazione comunale assumerebbe firmando l’atto per il passaggio di almeno un terzo di quei fondi, circa 600 mila euro, sul milione 800 mila già accreditati nelle casse del comune, prima di prendere qualunque decisione in merito alla ripresa o meno del servizio. Fino a tarda sera l’amministrazione comunale, il segretario generale e la responsabile del servizio finanziario sono rimasti a Palazzo Faraci per studiare ogni possibile soluzione tecnica, compatibile con la disciplina finanziaria, per poter garantire il pagamento delle commesse alla Multiecoplast che a sua volta, ottenendo i soldi dal Comune, potrebbe corrispondere alcune mensilità arretrate, almeno tre, ai lavoratori. Se ciò comporterà o meno un’immediata ripresa del servizio sarà possibile saperlo dopo che la delibera verrà ufficialmente emanata dal Comune e giungerà in possesso dei rappresentanti della ditta che, a loro volta, informeranno i delegati sindacali. La situazione di incertezza a Sant’Agata si trascina ormai da settimane e negli ultimi quattro giorni di sciopero dei dipendenti sono risultate vane le varie interlocuzioni tra ditta, sindacati ed amministrazione comunale per giungere ad una soluzione della vertenza. Nel caso in cui anche per la notte tra Venerdì e Sabato la raccolta dovesse rimanere sospesa per Sant’Agata Militello sarebbe una vera e propria emergenza rifiuti. L’immondizia già accumulata per la strada negli ultimi 4 giorni sarebbe infatti destinata a crescere nono solo nel weekend ma anche nella giornata festiva del 8 Dicembre. C’è dunque il concreto rischio di un’interruzione lunga una settimana, fino all’Immacolata, anche se, come detto, gli sviluppi potrebbero far cambiare le cose da un momento all’altro e determinare, solo dietro atti concreti, la ripresa della raccolta già nelle prossime ore.