Violenza sessuale su turista, Polizia di Capo d’Orlando arresta un minore

0
196

Ad un mese e mezzo dai fatti si sono ufficialmente chiuse oggi le indagini su un tentativo di violenza sessuale avvenuto la notte tra il 23 ed il 24 agosto a Capo d’Orlando.  Le indagini degli uomini del commissariato paladino, coordinati dal dirigente Giuliano Bruno, hanno infatti portato all’emissione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 17enne di Napoli.
La vittima, invece, una turista inglese di 19 anni che in quel periodo soggiornava a Cefalù ma si era recata a Capo d’Orlando con una amica per una notte in discoteca. Intorno alle 5 del mattino, la turista inglese e la sua amica si erano incamminante a piedi verso la stazione ferroviaria. All’altezza di via Roma la ragazza si fermata qualche secondo quando in un vicolo, l’aveva afferrata il 17enne napoletano che l’ha immobilizzata e denudata.
Le urla della giovane, però sono riuscite a richiamare l’attenzione dell’amica e soprattutto di due operatori ecologici che stravano iniziando il loro turno di servizio per lo spazzamento  dell’isola pedonale.
Le successive indagini, che hanno visto la massiccia partecipazione di tutto il personale del commissariato hanno permesso di risalire al giovane che è stato identificato. La sua foto, in mezzo ad altre 9 foto di persone estranee alla vicenda, è stata riconosciuta poi sia dalle due turiste inglesi che dai netturbini.
Gli atti sono passati alla Procura dei Minori di Messina che ha emesso il provvedimento di custodia cautelare in carcere (procuratore Andrea Pagano, Giudice per le Indagini Preliminari Michele Saja) che è stato eseguito dalla Polizia a Napoli, dove il minore si trova adesso detenuto.