“E’ tutto a posto, ma se cambia il vento andate a casa”

0
123

“E’ tutto a posto, ma se cambia il vento e il fumo nero si avvicina alle case, chiudetevi dentro”. Ecco come si deve gestire l’emergenza nel comprensorio di Milazzo secondo la Prefettura di Messina. Nella nota inviata ai sindaci di Milazzo, Condrò, Gualtieri Sicaminò, Pace del Mela, San Filippo del Mela, San Pier Niceto e Santa Lucia del Mela, si cita una comunicazione del comando provinciale dei Vigili del Fuoco in cui si evidenzia che persistono emissioni di fumo dal serbatoio 513 della Raffineria di Milazzo, ma che “non si ravvisano al momento effetti esterni conseguenti”. Al tempo stesso si consiglia “di avvisare la popolazione, in caso di cambio di direzione del vento che spinga la nube verso centri abitati, di rimanere al rifugio al chiuso”.  Proprio così: se siete in macchina, a passeggio o state lavorando all’aperto e notate la nuvola nera che si avvicina spinta dal vento, tornate subito a casa. Sembra uno scherzo, ma la lettera è autentica. Inoltre, si sottolinea che i dati di monitoraggio dell’aria continuano giornalmente, mentre non sono ancora disponibili quelli della ricaduta delle polveri. Così la Prefettura invia questa nota ai Comuni perché si adottino le determinazioni di competenza. Vedetevela voi, cari Sindaci. Così, da mercoledì a sabato 4 ottobre scuole chiuse a San Filippo e a Santa Lucia del Mela. La decisione è stata presa dai sindaci Filippo Aliprandi e Antonio Campo a scopo precauzionale e in considerazione delle continue emissioni di fumo provenienti dallo stesso impianto. Intanto, giovedì mattina è convocato il tavolo tecnico in Prefettura. Sperando che non cambi il vento.