Fulvio Abbate ha chiuso la rassegna del “politicamente scorretto”

35

Uno sguardo divertito ma al contempo malinconico su una famiglia palermitana del 1961, quando al piccolo Fulvio viene presentato con l’appellativo “zio” un imbianchino che è a tutti gli effetti il genocida Hitler, che tutti credono morto nel suo bunker nel 1945.  E’ questo il romanzo di Fulvio Abbate “Intanto anche dicembre è passato” che ha chiuso il ciclo “Politically incorrect – la cultura del dubbio” inserito nella rassegna “Ingressi di paesaggi” promossa dalla Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella”. Presentato da Alberto Samonà, Abbate ha avuto modo di  confrontarsi con i lettori sul suo ultimo lavoro ma anche sui principali temi di attualità.