Il Comune nel mirino degli Hacker

0
115

Due attacchi informatici nel giro di pochi giorni che hanno mandato in tilt i server ed i sistemi del Comune di Castell’Umberto. Il sindaco del centro nebroideo, Vincenzo Lionetto, ha presentato denuncia sugli episodi alla locale caserma dei Carabinieri, informando dell’accaduto anche la Polizia postale di Messina. Il primo degli attacchi di ignoti, presumibilmente hacker secondo quanto ricostruito dai tecnici delle stesse ditte che gestiscono i sistemi informatici al Comune di Castell’Umberto, si è verificato Lunedì 18 Agosto. Dopo tre giorni di chiusura,  tra festività di Ferragosto ed il ponte tra Sabato e Domenica, alla riapertura degli uffici gli impiegati si erano trovati nell’impossibilità di accedere ai sistemi informatici. Allertati i tecnici, il servizio di teleassistenza ha rilevato come il Comune di Castell’Umberto fosse stato oggetto di un attacco informatico. Analogo episodio si è ripetuto Mercoledì mattina. Questa volta i dipendenti del Comune, oltre all’impossibilità di accedere ai servizi informatici hanno notato come fossero sparite dal sistema e da un hard disk esterno, le copie di backup dei dati che preventivamente vengono conservate. Sparite anche le cartelle relative agli atti del protocollo, ed altri dati. Sul sistema è quindi comparsa una cartella sconosciuta sotto il nome backup generata alle 23.50 della notte precedente, più altri file ignoti. Alcuni file di testo trovati, riportavano diciture in inglese circa l’avvenuto criptaggio dei dati. “Se volete indietro i dati, manda una mail col vostro indirizzo ip. Inviare mail a serverlock@Yandex.com”.  Sul server del Comune è stato infine rilevato un file di collegamento al programma TrueCrypt. Nelle denunce ai Carabinieri il sindaco Lionetto ha allegato l’intera documentazione e le stampe degli scatti fotografici delle visualizzazioni dei file.