L’Upea ingaggia Dario Hunt

0
86

L’Orlandina Basket aggiunte un ulteriore tassello al proprio orgnico. Questa mattina è arrivata infatti la firma che lega alla formazione paladina, in vista del prossimo campionato di serie A, il giocatore statunitense Dario Hunt nell’ultima stagione ai Rio Grande Valley Vipers in D-League.
Dario Hunt, prodotto dell’Università del Nevada, è un centro di 206 cm per 104 kg, nato il 2 di maggio del 1989. Atleta straordinario dotato di fisicità possente e grande esplosività, Hunt unisce alle capacità di finalizzare, spesso in modo spettacolare, l’innata propensione alla difesa, che fa di lui un professionista completo su entrambi i lati del campo. Negli anni al college ha stupito per la costante crescita rapportata dalle cifre che testimoniano i miglioramenti: da senior, infatti, parte in quintetto, gioca 32 partite chiudendo con la media di una doppia doppia a gara (10 punti e 10 rimbalzi), 2,5 stoppate, 2 assist. Alla fine della sua ultima stagione in NCAA, Hunt è risultato essere l’unico giocatore della storia della Western Conferencee a segnare 1.000 punti, 1.000 rimbalzi e 250 stoppate nella propria carriera collegiale. È stato, inoltre, inserito nel secondo migliore quintetto in assoluto della Western Conference NCAA e tre volte nel primo quintetto difensivo (2010, 2011 e 2012). Nell’estate del 2012 passa alla compagine ucraina BC Odessa dove, però, alcuni problemi di ambientamento ne condizionano il rendimento (gioca 21 gare a 6 punti e 5 rimbalzi). Si rilancia volando in Austria ai UBC Magnofit Gussing Knights nel febbraio 2013 mettendo a referto 14 punti, 7.5 rimbalzi in media nei 13 match disputati. Torna negli USA nella lega di sviluppo NBA selezionato dai  Vipers con cui raggiunge le semifinali confermandosi in continua crescita (8.6 punti, 7.2 rimbalzi, 1.1 stoppate nei 21 minuti di utilizzo medio a gara nella regular season e 9.3 punti, 8.3 rimbalzi e 1.5 stoppate nei playoff). Ha conseguito la laurea in Management ed è il fondatore del blog www.l-l-f.co, dove le lettere dell’acronimo “l-l-f” stanno per “living life fearless”, uno spazio che si propone per aiutare la gente ad approcciare la quotidianità senza paure.
«Sono soddisfatto che Dario abbia accettato con entusiasmo la nostra proposta di tornare in Europa – ha commentato il coach dell’Upea Capo d’Orlando Giulio Griccioli – è un lungo che fa dell’atletismo e della capacità di essere pericoloso in tutte le situazioni di taglio e transizione le sue peculiarità principali. È reduce da una buona stagione in D-League che l’ha visto distinguersi a rimbalzo sia offensivo che difensivo. Per caratteristiche tecniche e fisiche sarebbe il perfetto complemento per Sandro Nicevic – conclude Griccioli – che speriamo di avere con noi anche per la prossima stagione».