Acque pulite 3, sotto sequestro i due depuratori di Gioiosa Marea

175

L’hanno chiamata operazione “Acque Pulite III”, per dare un chiaro segno di continuità ad un più grande filone d’inchiesta che ha riguardato nel febbraio 2012 e nel luglio 2013, i depuratori di Piraino e di Capo d’Orlando.
Questa volta, a finire nel mirino sono stati i due depuratori utilizzati dal comune di Gioiosa Marea: quello di contrada Zappardino e quello della frazione di San Giorgio. A mettere i sigilli, e notificare anche sei avvisi di garanzia, i Commissariati di Capo d’Orlando e di Patti e la Capitaneria di Porto, su disposizione del GIP del Tribunale di Patti Ugo Domenico Molina e su richiesta del sostituto procuratore Rosanna Casabona della Procura della Repubblica di Patti. Gli avvisi hanno raggiunto amministratori ed ex amministratori, dirigenti comunali e a due imprese coinvolte nella gestione dei depuratori nel comune di Gioiosa Marea.

Le indagini, mai interrotte nel corso di questi mesi in cui la Polizia ha passato al setaccio i depuratori della zona, hanno permesso di scoprire che l’impianto di depurazione di San Giorgio di Gioiosa, sebbene realizzato vent’anni fa, non è mai entrato in funzione.
Il provvedimento cautelare è scattato a seguito delle risultanze investigative dei Commissariati di Capo d’Orlando e Patti e della Capitaneria che già nel 2013 avevano portato al sequestro di oltre 40 metri cubi di fanghi da depurazione lasciati in deposito incontrollato presso l’impianto di depurazione.   Tredici i capi d’imputazione contestati nei confronti di due sindaci, un tecnico comunale, il titolare di una ditta di autospurgo e due gestori degli impianti. Vanno dall’inquinamento di acque marine all’omissione in atti d’ufficio per la procedura di autorizzazione allo scarico, fino  allo scarico di reflui con parametri batteriologici superiori fino a 1100 volte superiori ai limiti previsti.