Canneto, paura senza fine

0
49

“Sapevamo che i fenomeni non erano mai cessati del tutto, ma dopo dieci anni ci speravamo. Questo è un colpo durissimo per tutti noi. E’ ripiombare all’inizio di un dramma che ha già segnato la nostra vita”. Nino Pezzino parla senza rabbia e senza angoscia. Dalla sua casa e quella di sua madre sono ricominciati gli incendi misteriosi che già nel 2004 avevano seminato il panico a Canneto di Caronia.
Da tre giorni gli incendi sono ripresi e per certi versi più violenti rispetto al 2004 e la gente trascorre la notte in alcune verande di fronte casa, dormendo a turno, per garantirsi l’immediato intervento quando scoppia l’incendio o si attivano i sensori.
In 48 ore sono stati 18 i casi da annoverare come “inspiegabili” alcuni dei quali gravissimi. Le nostre immagini testimoniano casi davvero sconvolgenti. Roghi che avvengono davanti ai nostri occhi.
In sostanza la zona è colpita da campi elettromagnetici violentissimi che non si comprende da dove arrivino. E’ come stare in un forno a micro onde.
Il sindaco Calogero Beringheli trascorre ormai le sue giornate con gli abitanti di Canneto telefonando a Carabinieri, Prefettura, Regione, Arpa, Protezione Civile e Vigili del Fuoco. Vuole interventi e protezione per la sua gente.