Impianto a biomasse di Furnari, Villarosa interroga

0
185

“I ministri dello Sviluppo Economico, dell’Ambiente del Territorio e del Mare, dei Beni e Attività Culturali e Turismo verifichino il progetto di un impianto di cogenerazione alimentato a biomassa, che la COMET BIO srl ha presentato nel Comune di Furnari”. Lo chiede in una interrogazione parlamentare il deputato del Movimento 5 Stelle Alessio Villarosa. L’interrogazione è scaturita dalle numerose segnalazioni dei cittadini e dalle posizioni espresse dai Sindaci di Furnari, Tripi, Novara di Sicilia, Terme Vigliatore e Falcone.  “Analizzati attentamente il progetto, il bando e la legislazione vigente in materia – si legge nell’istanza – si riscontrano parecchie incongruenze che potenzialmente potrebbero nuocere alla sicurezza dei cittadini di Furnari e dell’hinterland che già da tempo subiscono le conseguenze della vicina discarica di Mazzarrà S. Andrea.  Emerge infatti che l’impianto dovrebbe avere una potenza prevista di 995 KWe nonostante, nel bando a cui ha partecipato per gli impianti di cogenerazione, si prevedessero potenze superiori a 1 MWe ed inferiori a 4 MWe. La ditta non ha presentato la Valutazione d’Impatto Ambientale (VIA) , obbligatoria per tutti gli impianti di qualsiasi tipo e potenza in base alla direttiva Europea 2011/92/UE per la quale l’Italia è già in procedura d’inflazione Europea. Infine l’impianto dovrebbe sorgere nei pressi di un metanodotto, potenziale pericolo già presentato dalla SNAM, in quanto questo tipo di impianti presentano un’elevata pericolosità raggiungendo temperature altissime; un esempio è l’incendio avvenuto a Sciaves (BZ) nell’agosto 2013”. Villarosa chiede quindi ai ministri di “valutare l’opportunità di intervenire per evitare un aggravamento della situazione che ha portato alla procedura d’inflazione europea e chiede infine di verificare tutti i progetti vincitori del finanziamento, fra i quali quello della COMET BIO srl, e qualora ne fosse necessario di revocare il finanziamento ottenuto”.