Patti, Lena si dimette: “Ma non capisco”

0
44

“Nel rimettere il mio mandato secondo la tua decisione e le prerogative previste dalla legge, ti invito preliminarmente a sottoporre la questione al vaglio del Consiglio Comunale”. Con queste parole, il vicesindaco di Patti, Nino Lena si è rivolto al  sindaco, Mauro Aquino, accogliendo alla richiesta verbale di Aquino di dimettersi dalla carica formulata il 9 ed il 21 giugno scorso. Per Lena il mandato che gli è stato attribuito “proviene dalla legittimazione popolare, in quanto fu designato assessore, ben prima che si svolgesse il primo turno delle elezioni”. Proprio per questo ritiene che il Consiglio Comunale debba valutare la richiesta di dimissioni espressa nei suoi confronti da Aquino”. Lena ha ribadito di aver “esercitato il mandato come servizio ai cittadini, addossandosi i problemi che gli venivano esposti”; un suo “disimpegno gli recherebbe vantaggi, sia dal punto di vista professionale, economico e familiare”. Alla fine della sua lettera, inviata anche al presidente del consiglio comunale, Giorgio Cangemi, Lena ha scritto di essere “in attesa di qualsiasi determinazione, consapevole di aver svolto il proprio mandato con impegno, dedizione e sacrifici, riconosciuti dallo stesso sindaco”. Proprio per questo per Lena è “incomprensibile la richiesta di dimissioni formulata dal sindaco, avendogli sempre manifestato fiducia e apprezzamento, senza che mai sia sorta alcuna incomprensione”.

di Massimo Natoli