Esperti da tutto il mondo studiano lo Stromboli

0
248

Analizzare l’attività eruttiva dello Stromboli attraverso video ad alta velocità e immagini con telecamere infrarosse, registrare il suo “lieve respiro”con una rete di microfoni e sismografi, ricostruire la morfologia dell’area sommitale grazie all’aiuto di un drone. Tutto questo per ottenere una visione il più possibile completa e aggiornata delle diverse manifestazioni del vulcano delle Isole Eolie. L’esperimento di ricerca internazionale, coordinato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), ha coinvolto ricercatori provenienti dalle sezioni Ingv di Roma e Catania, University of Hawaii, U.S. Geological Survey(USGS), Technische Universitat Berlin, Ludwig Maximilian Universitat di Monaco di Baviera, Università Clermont Ferrand e Lancaster University.

“L’obiettivo dello studio”, spiega Piergiorgio Scarlato, primo ricercatore dell’Ingv di Roma, “è quello di migliorare la comprensione dei processi associati all’attività esplosiva dello Stromboli, attraverso il confronto dei dati delle singole esplosioni stromboliane, acquisiti dagli strumenti installati durante la campagna di monitoraggio che si è svolta nella seconda metà del mese di maggio”.
L’esperimento ha visto l’installazione sulla sommità del vulcano di strumenti di ultima generazione: 4 telecamere termiche e due ad alta velocità per l’acquisizione sincrona di sequenze di video-riprese nel visibile e nell’infrarosso degli eventi esplosivi e una rete di 18 microfoni e stazioni sismoacustiche.
“Questa tecnologia permette di osservare l’evoluzione in superficie dei fenomeni vulcanici legatialla sovrappressione nella camera magmatica e alla risalita del magma nei condotti, processi fondamentali che precedono un’eruzione”, afferma Luigi Lodato, ricercatore Ingv di Catania. “La telecamera termica consente di rilevare variazioni morfologiche nell’area craterica,di fare una mappatura in tempo reale della distribuzione dei prodotti eruttati, di avere indicazioni sulla profondità della colonna magmatica nei condotti vulcanici e, infine, di registrare in continuo la frequenza e  l’altezza delle esplosioni”.
Nel periodo di osservazione, lo Stromboli ha mostrato attività esplosiva con intensità mediamente energetica, attraverso le diversebocche distribuite nei3 crateri (nord-est, centrale e sud-ovest).
“Bocche attive contemporaneamente, ognuna delle quali caratterizzata da unostile esplosivo prevalente, è un fatto comune per questo vulcano”, aggiunge Daniele Andronico, ricercatore Ingv di Catania. “L’analisi dei diversi dati acquisiti sull’attività esplosiva servirà a valutare la relazione esistente tra le differenti aree crateriche”.

Stromboli costituisce da sempre uno straordinario laboratorio naturale. “Un luogo unico per studiosi che trovano qui l’occasione per confrontarsi e sperimentare nuove tecniche di osservazione dei fenomeni vulcanici a carattere esplosivo, con possibilità di applicazione anche su altri vulcani. I risultati di queste indagini contribuiranno alla valutazione della pericolosità vulcanica”, conclude Piergiorgio Scarlato.