Festival dei Nebrodi, un successo lungo 30 anni

0
93

Il duo Carmelo Arena-Benedicta Nicotra per la categoria delle canzoni edite. Federica Puliafito per le inedite.
Sono stati questi i giovani vincitori della XXX edizione del Festival dei Nebrodi, rassegna canora più longeva del sud Italia e che si è svolta nel fine settimana  al cine-teatro “Rosso di San Secondo”.
Una rassegna che ha saputo resistere al tempo grazie alla assoluta serietà dell’organizzazione curata da Aldo Casilli e ad una grande credibilità riconosciuta tra gli addetti ai lavori.
Dodici i finalisti, suddivisi in nove per le Canzoni Edite e tre per le Canzoni Inedite.
Per il settore Edite ha trionfato il duo composto da Carmelo Arena (di Agira) e Benedicta Nicotra (di Misterbianco), che opera e studia a Catania, splendidi interpreti, di “Stardust” di Mika e Chiara Galiazzo. Al secondo posto un’altra splendida realtà, la palermitana Sara Vetrano, voce limpidissima nell’esecuzione di “Real all about it” di Emil Sandè. Terza classificata Chiara Castelluzzo, di Librizzi, che ha interpretato “Per tutta la vita”, uno dei successi di Noemi.
Per il settore Inedite ha trionfato la diciannovenne Federica Puliafito, di Merì, con “Resto in piedi”. Al secondo posto la bravissima messinese Giusy Muffari con “Meraviglioso amore”. Al terzo posto un altro messinese, il quindicenne di belle speranze Mikael Bonaffini, che ha interpretato “Mi sei entrata nel cuore”. Per quanto riguarda gli altri premi sono stati così assegnati: critica giornalistica a  Sara Vetrano, personaggio televisivo a Gaetano Venuto, rivelazione ad Anna Schepis (di Gualtieri Sicaminò, che ha interpretato “Sei bellissima” di Loredana Bertè), premio migliore interpretazione a Lidia Mangiapane (di Custonaci, con “Tutt’al più” di Patty Pravo), Giovani alla quindicenne Giuliana Scaffidi Fonti con “Ci vorrebbe il mare” di Marco Masini.
Nel corso delle tre serate del Festival è stato anche assegnato il decimo premio “Tano Cuva”, riservato a personaggi della provincia che si sono distinti nei rispettivi campi professionali. Quest’anno il premio è stato assegnato a Tony Cairoli, il sette volte campione mondiale di motocross di Patti. Impegnato, domenica, nel Gran Premio di Francia, al suo posto è arrivata la sorella per ritirare il premio consegnato, sabato sera, dalla signora Anna e da Alessandro, rispettivamente moglie e figlio di Tano Cuva.