A Villa Piccolo gli studenti faranno “la rivoluzione”

0
21

“Vogliamo che i giovani ai quali è stato tolto il futuro, tornino a percepire la bellezza. Non sarà un giorno di giochi, sarà una piccola rivoluzione”. E’ il messaggio fortemente simbolico e politico che Aurelio Pes ha voluto dare all’appuntamento per il 21 marzo, quando dalle 9 a Villa Piccolo, adulti e bambini saluteranno l’ingresso della primavera dando vita alla “Giornata a Colori”. Sarà una mattinata all’insegna dei colori, della creatività, dell’arte e della cultura, che la Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella, presieduta da Giuseppe Benedetto, ha voluto simbolicamente dedicare a Lucio, Casimiro e Agata Giovanna Piccolo, istituendo tre sezioni, rispettivamente per la poesia, per l’arte (disegno e foto) e per le composizioni floreali e i ricami: i campi in cui eccelsero, appunto, i fratelli Piccolo di Calanovella.
Un’iniziativa, organizzata in collaborazione con gli Istituti comprensivi 1 e 2 di Capo d’Orlando, l’Enoteca della Provincia regionale di Messina e il Comune di Capo d’Orlando.
Alla manifestazione parteciperanno, infatti, centinaia di alunni delle quarte e quinte elementari e delle scuole medie inferiori. I bambini e i ragazzi realizzeranno piccoli componimenti, disegni, quadri, fotografie o composizioni floreali dedicate al loro territorio, nel quale descriveranno come lo vedono e come lo vorrebbero.
Numerose le iniziative in programma a Villa Piccolo: l’artista-artigiano Emanuele India, con il suo ‘telaio monastico’, costruirà dal vivo un libro islamico-bizantino sui modelli dell’anno Mille.
La mattinata sarà anche animata e allietata dall’esibizione dei Pupi Siciliani della “Compagnia Marionettistica Popolare Siciliana” di Angelo Sicilia, che racconteranno l’ingegno e l’arte dei Piccolo di Calanovella con il linguaggio tradizionale e suggestivo delle marionette.
Grazie alla collaborazione con la Provincia, saranno, inoltre, presenti le ricamatrici del Circolo femminile “Ricamo e antichi Mestieri”, che dimostreranno dal vivo l’elaborazione di ricami (tombolo, uncinetto, ecc.).
E ancora, uno sguardo agli antichi mestieri con la partecipazione di un addetto alla lavorazione del giunco per la realizzazione di ceste e di uno scalpellino, che mostrerà come si lavora la pietra.
E nel pomeriggio, alle 16,30, nei locali della Pinacoteca comunale di Capo d’Orlando sarà inaugurata la mostra di dipinti dell’artista-architetto Danilo Maniscalco: quadri dai mille colori, che raccontano Palermo, con i suoi edifici storici, con i suoi scorci antichi, ma anche con le sue ferite profonde e le mortificazioni inferte al paesaggio e all’assetto urbanistico.