Laccoto: “I fondi per l’ospedale di Cuccubello e gli altri interventi”

0
70

L’assessore regionale alla Sanità Lucia Borsellino ha annunciato, nel corso della sua recente visita a Messina, che saranno disponibili 200 milioni di euro per gli interventi da effettuarsi su ospedali e strutture sanitarie siciliane. Di questi 54 milioni sono destinati alla provincia di Messina e la metà, 27, per la costruzione del nuovo ospedale di contrada Cuccubello a S.Agata Militello. L’assessore Borsellino ha inoltre annunciato che, dai vari capitolati, sono previste ulteriori somme per l’ammodernamento tecnologico degli strumenti diagnostici di tutti i presidi ospedalieri ed ha chiesto la condivisione per poter spostare alla seconda annualità le somme destinate al presidio ospedaliero santagatese. Giuseppe Laccoto, già nella veste di presidente della Commissione Sanità all’Ars, si era attivato per lo sblocco dei fondi. “Ma scelte di tale importanza – dice il deputato regionale del Pd – vanno demandate al territorio attraverso l’amministrazione comunale e mediante la conferenza dei sindaci dei comuni appartenenti al distretto di Sant’Agata Militello. A prescindere da quale sia la decisione, è fondamentale che gran parte delle somme siano destinate all’adeguamento tecnologico dell’attuale presidio ospedaliero. Sono soddisfatto per lo sblocco di questo finanziamento, che premia gli sforzi compiuti da presidente della Commissione Sanità. Il presidio santagatese serve un bacino di 80.000 utenti, i quali – conclude l’on. Laccoto – legittimamente pretendono la presenza di strutture specializzate sul territorio”. Le somme per gli interventi, oltre ai 27 milioni già previsti per l’ospedale Cuccubello di Sant’Agata, saranno così distribuite:

–         1.000.000 di euro per lavori di ristrutturazione per la realizzazione di una RSA (residenza sanitaria assistita) presso il presidio ospedaliero di Barcellona Pozzo di Gotto;

–         1.000.000 di euro per i lavori di ristrutturazione dei locali del Poliambulatorio di S. Alessio Siculo nel Distretto di Taormina per la realizzazione di un PTA;

–         800.000 euro per la ristrutturazione dell’ex LIP di Messina, destinato a Laboratorio di Sanità Pubblica;

–         1.000.000 di euro per la ristrutturazione dell’ex Palazzo Marconi in Messina da destinare a consultorio e screening oncologico;

–         2.000.000 di euro per lavori di ristrutturazione e per la riallocazione dei Servizi di SPDC di Milazzo e Taormina siti presso i rispettivi presidi ospedalieri;

–         2.200.000 euro destinati ad adeguamenti tecnologici per l’avvio delle attività sanitarie da rendere nei PTA realizzati e realizzandi;

–         8.500.000 euro per l’adeguamento della sala emodinamica, per la sala operatoria e per l’acquisto di attrezzature di alta tecnologia per il Centro di Cardiochirurgia infantile del presidio ospedaliero di Taormina;

–         5.000.000 saranno destinati all’acquisto di tecnologie per i diversi Presidi Ospedalieri. Con queste somme, l’ospedale di Sant’Agata Militello, ad esempio,  potrà dotarsi della Risonanza magnetica, di un nuovo ecografo, di un mammografo, tutte strumentazioni già richieste dal suddetto ospedale.

–         3.400.000 euro per la realizzazione del servizio di Radioterapia presso il P.O. di Patti, conquista importantissima per tutto l’hinterland.