Milazzo, Consiglio e veleni

0
26

Nuova seduta del Consiglio Comunale di Milazzo che tornerà a riunirsi domani mattina a partire dalle ore 10. La riunione del civico consesso giunge dopo una settimana di veleni che hanno animato inevitabilmente la vita politica di Palazzo delle Aquile. A partire proprio dalla seduta precedente, al termine della quale alcuni consiglieri avevano deciso di occupare l’aula per la mancata consegna di alcuni atti che avevano richiesto. Richieste di atti e prese di posizione in Consiglio sulle quali si è espressa con una nota diramata nella serata di venerdì scorso l’Amministrazione Comunale a difesa del suo operato. L’esecutivo guidato da Carmelo Pino ha affermato di essere pronto a continuare a lavorare per la città, ma anche a lasciare qualora dovesse deciderlo la Suprema Corte di Cassazione. Nella mattinata seguente, lo stesso primo cittadino e l’Assessore Pippo Midili si sono presentati presso gli uffici della Procura di Barcellona Pozzo di Gotto per presentare un esposto su presunte irregolarità durante le gestioni passate del Comune di Milazzo. Come se non bastasse, secondo indiscrezioni, sempre venerdì scorso, gli uffici di Palazzo dell’Aquila avrebbero notificato al Presidente del Consiglio Comunale, Rosario Pergolizzi, una contestazione secondo la quale lo stesso sarebbe incompatibile con la carica di consigliere comunale per un contenzioso con l’Ente che risalirebbe al 1991. Come primo punto all’ordine del giorno, domattina il civico consesso dovrà procedere alla surroga di Salvatore Gitto, dimessosi per ricoprire il ruolo di Assessore. Com’é noto, Donatella Romagnolo (prima dei non eletti nella lista Milazzo Futura) ha rinunciato alla carica di consigliere per motivi professionali. Al suo posto, quindi, sarà convocato il secondo dei non eletti, ovvero Vincenzo Salmeri.