Brolo, “ufficio ragioneria da commissariare” – Video

0
69

E’ datata 10 gennaio ed ha per oggetto “richiesta nomina sub commissario” la lettera inviata dal Commissario Straordinario del Comune di Brolo al Presidente della Regione e all’assessore agli enti locali. E’ una lettera, ma somiglia tanto ad una richiesta di aiuto. Carmelo Musolino, chiede la nomina di un sub commissario che lo possa “supportare nell’espletamento delle delicate e complesse attività tecnico operative necessarie per verificare la reale situazione economico finanziaria del Comune di Brolo”. Serve una mano, insomma, specialmente nell’ufficio ragioneria perché il funzionario, il ragioniere Carmelo Arasi, è indagato nell’ambito dell’inchiesta sui mutui fantasma, è rimasto in servizio e il Comune non ha in organico un’altra figura professionale che lo possa sostituire. La lettera del Commissario Musolino è una richiesta di aiuto, certo, ma è rivolta anche a recuperare serenità all’interno degli uffici del Comune di Brolo, serenità minata da un clima pesante e da una tensione che non accenna a diminuire anche per le continue visite della polizia giudiziaria per sequestri ed acquisizione di atti. Musolino, infatti,  sottolinea di aver dovuto rilevare “il clima di accesa contrapposizione che inevitabilmente caratterizza i rapporti tra gli organi di gestione e di controllo”, visto che “il responsabile dell’area economico finanziaria è indagato “proprio a seguito delle numerose segnalazioni sulle possibili irregolarità rilevate nell’esercizio delle proprie funzioni da parte del segretario comunale e del revisore dei conti”. Commissariare l’ufficio ragioneria, insomma, anche perché l’attività di verifica che si sta compiendo sui conti e che potrebbe portare a “clamorosi sviluppi”, non si può ultimare coinvolgendo proprio il ragioner Arasi.
Il problema è che la richiesta di nomina è stata fatta 42 giorni fa e nessuno dalla Regione si è ancora degnato di rispondere. Intanto c’è un Comune dilaniato dai sospetti e dalle voci incontrollate e c’è una comunità che attende chiarezza.