Accertamento Nas al “Fogliani” di Milazzo

0
114

I Nas di Catania dovranno effettuare un accertamento nel reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Milazzo. In termine tecnico si chiama “verificazione”. Si dovrà accertare se sono stati ultimati i lavori di ristrutturazione nel reparto e se, quindi, la struttura sia nel suo complesso, idonea secondo il decreto dell’Assessorato Regionale alla Sanità. Si dovrà accertare anche la possibilità di eventuale provvisorio mantenimento del servizio in questione presso l’ospedale di Barcellona. Così ha deciso la quarta sezione del Tar di Catania, nel corso dell’udienza del 30 gennaio scorso, riguardante il ricorso del comune di Barcellona, per contestare la soppressione del punto nascite del “Cutroni-Zodda”. In udienza si erano costituiti, com’è noto, il comune di Barcellona, rappresentato dall’avvocato Rosaria Natalia Imbesi e l’ex commissario dell’Asp, Manlio Magistri, rappresentato dall’avvocato Silvano Martella. Per i giudici del Tar, che hanno disposto il provvedimento con ordinanza, prima di prendere una decisione, è necessario compiere accertamenti, anche per verificare quanto evidenziato dal comune di Barcellona nel suo ricorso cioè sul fatto che al momento della soppressione il reparto a Milazzo non fosse pronto ad accogliere i ricoveri. Ma c’è di più. Per i giudici si dovrà accertare anche la possibilità di un eventuale provvisorio mantenimento del servizio in questione presso l’ospedale di Barcellona, circostanza che, in via cautelare, è stata già deliberata, anche se ancora non si è passati alla fase esecutiva. L’accertamento dei Nas dovrà essere effettuato entro quindici giorni. La camera di consiglio è stata fissata per il 27 febbraio prossimo.

di Massimo Natoli