Dolce Vita, subito un rinvio del processo

0
120

Ha preso il via stamattina ed è stato subito aggiornato al 6 giugno prossimoil processo a carico di sedici persone accusate di associazione a delinquere finalizzata alla sfruttamento della prostituzione. Sedici le persone imputate nell’ambito dell’operazione “Dolce Vita”, scattata all’alba del scorso 15 ottobre 2012 quando la polizia Sant’Agata Militello notificò i provvedimenti cautelari a 14 persone e il decreto di sequestro di tre night club del comprensorio tirrenico nebroideo, il “Deja Vu” ed il Dolce Vita” di Torrenova ed il “Dubai” sito a Caronia.
Stamattina il collegio, presidente Sandro Potestio, a latere Molina e Mandanici, ha preso atto del difetto di notifica per due imputati e per una delle parti offese ed ha rinviato il processo.
Tra i reati contestati agli imputati, anche il reclutamento di donne, prevalentemente dall’est Europa, inducendole ad esibirsi nei locali notturni e ad intrattenere rapporti sessuali a pagamento con i clienti, secondo un tariffario prestabilito.  L’indagine aveva fatto emergere la rete di finti tesseramenti di una vasta clientela, composta anche da insospettabili professionisti della provincia, che frequentava i night alternando consumazioni nel locale alla compagnia intima delle spogliarelliste. I rapporti sessuali venivano consumati sia all’interno dei night, nei cosiddetti priveè, sia in appartamenti messi a disposizione dei gestori dei locali.