Brolo, il terzo mutuo – Video

0
46

Si allarga l’inchiesta sui mutui fantasma contratti dal Comune di Brolo. La Procura di Patti indaga ed acquisisce documenti non solo sui progetti del palazzetto del sport e dell’adeguamento sismico della scuola elementare del centro, ma anche sulla zona artigianale di contrada Sirò.  Un’area destinata ad ospitare una decina di capannoni per imprese ed artigiani. I lavori, già avviati, sono finanziati con oltre tre milioni e mezzo dell’Unione Europea e con un mutuo di 591mila euro contratto dall’amministrazione comunale. Le anomalie su cui indaga la Procura riguardano proprio il mutuo erogato per intero dalla cassa depositi e prestiti a fronte di fatture che, però, sarebbero clamorosamente false.
Fatture per espropri, pagamenti di parcelle e servizi vari che non sarebbero state emesse né dalle ditte né dai professionisti a cui sono intestate. Chi ha falsificato le fatture e dove sono finiti i 591mila euro del mutuo erogato è tutto da scoprire ed è compito della Procura di Patti. A questo punto, potrebbe diventare a rischio anche il completamento stesso dell’area artigianale di contrada Sirò.  Di certo, si tratta di un’altra mazzata per la comunità di Brolo, già scossa dalla vicenda dei mutui fantasma che ha provocato le dimissioni del sindaco Salvo Messina e la decadenza del consiglio comunale. Tra palasport, scuola elementare e area artigianale, i fondi di cui non si conosce la sorte sono diventati tre milioni e 200mila euro.