Stipendi in ritardo, a Naso è polemica – Video

0
51

Sono stati violati i diritti dei lavoratori e le somme necessarie per il pagamento degli stipendi dei dipendenti comunali sono state impegnate invece per l’organizzazione di eventi e per la contrazione di mutui che hanno solo aggravato la già precaria condizione economico-finanziaria del Comune. Sul piede di guerra i consiglieri di opposizione del comune di Naso, Claudio Bontempo, Massimo Calanna ed Antonino Triscari che hanno lanciato pesanti accuse al sindaco Daniele Letizia per il mancato pagamento del mese di ottobre ai dipendenti in forza al comune.”La retribuzione è uno dei principali diritti da tutelare per i lavoratori- scrivono i consiglieri nell’interrogazione- le somme di cui l’ente dispone devono essere impegnate, prima di tutto, per pagare i dipendenti che lavorano poi casomai, impegnate in organizzazione di eventi o altro”. I consiglieri chiedono di conoscere le cause che hanno determinato il mancato pagamento degli stipendi e quali provvedimenti adesso intende adottare l’amministrazione per rimediare a questa mancanza ed in quali tempi. Non ti è fatta attendere la replica del primo cittadino Daniele Letizia che invece accusa i consiglieri Calanna, Triscari e Bontempo di ipocrisia da sopravvivenza e di mala fede.

Il sindaco ribadisce che si tratta di soli nove giorni di ritardo del mancato pagamento della retribuzione del mesi di ottobre perchè la Regione siciliana ha erogato sino ad oggi in favore dei comuni solo il 63% di una trimestralità e il comune è in attesa di oltre 640 mila euro. “L’amministrazione ha sempre avuto a cuore le problematiche dei suoi dipendenti-continua Letizia- il comune di Naso innanzitutto è stato tra i primi che ha provveduto a stabilizzare tutti i suoi precari. Ha anche pagato gli stipendi dei lavoratori impegnati nella raccolta dei rifiuti, sostituendosi sia all’Ato che al gestore. Agli altri lascio le chiacchiere- conclude Letizia- io preferisco tenermi i fatti e le tante buone azioni di Governo”.