Fondachelli: mozione di sfiducia dopo il “caso Priebke”

0
94

La vicenda che tante polemiche ha suscitato riguardante la disponibilità del sindaco di Fondachelli Fantina, Marco Pettinato, ad ospitare nel cimitero del centro montano la salma di Erich Priebke è finita sul tavolo anche del consiglio comunale; sono stati i consiglieri di opposizione del gruppo ”Sviluppo e libertà”, dando fiato alle contrarietà espresse dai cittadini e anche da rappresentanti istituzionali locali, a richiedere la celebrazione del consiglio per il 5 novembre, alle ore 10.00 e la mozione di sfiducia contro Pettinato. Il primo cittadino, com’è noto, motivò la sua richiesta, perchè mosso da umanità cristiana; riferì che non era stata una scelta politica, né si voleva speculare sul turismo macabro. I consiglieri di opposizione, dal canto loro sono stati pronti a richiedere il confronto in consiglio comunale; non solo, ma hanno chiesto di più, uno stato di accusa al capo dell’esecutivo un richiesta che ha solo una forte connotazione politica, poiché l’istituto della mozione di sfiducia non può essere invocato nei primi ventiquattro mesi del mandato, il cui termine decorre dalla data di insediamento del sindaco. Pettinato, com’è noto, è stato eletto, per il suo primo mandato, il 12 giugno 2013. Dunque i consiglieri di opposizione, forti del dissenso espresso in paese, lanceranno la loro sfida, riaprendo un caso che, con i giorni, sembrava essersi dissolto. Il sindaco Pettinato, dal canto suo, è tranquillo, forte della compattezza della maggioranza e del fatto che la mozione non produrrà effetti sostanziali. Anzi ha alzato il tiro ammettendo che sarà lui a richiedere le dimissioni dei consiglieri di opposizione.