Sulle tracce del rapinatore della Popolare di Ragusa – Video

0
23

E’ di circa 9.000 euro il bottino di una rapina avvenuta intorno alle 10,40 di oggi ai danni della Banca Popolare di Ragusa, istituto di credito che ha sede in piazza Duca degli Abruzzi, in pieno centro. A mettere a segno il colpo un malvivente solitario che si è presentato in banca a colto scoperto ma con un taglierino in tasca. Dopo aver eluso il controllo si è presentato alla cassa e, con spiccato accento siciliano, ha intimato ad uno dei tre dipendenti in quel momento in servizio di consegnare il denaro. All’interno anche due clienti che hanno assistito alla scena. Quindi ha arraffato i contanti e si è allontanato con sicurezza e senza trasparire emozioni per una stradina che collega con il tratto terminale di via Piave. Non si sa se ad attenderlo vi fosse un complice oppure abbia raggiunto l’auto con la quale si è poi dileguato.


Scattato l’allarme, la Polizia (cui sono affidate le indagini) ha iniziato a sentire i primi testimoni ed a sequestrare le immagini delle telecamere a circuito chiuso che hanno filmato tutte le fasi del colpo.Sul posto anche i Carabinieri mentre inutili si sono rivelati i posti di blocco effettuati dalle forze dell’ordine nei pressi dei principali incroci che permettono di raggiungere i paesi vicini e gli svincoli autostradali. Naturalmente l’impressione è che il rapinatore non fosse della zona (visto che non ha avuto problemi a mostrare il proprio volto alle telecamere di sicurezza) e quindi si attendono riscontri grazie alle verifiche con le banche dati delle forze dell’ordine tra gli schedati per rapina del territorio siciliano. L’ultimo colpo ai danni di una banca in città risale all’aprile del 2011 quando venne assaltata la Banca Popolare di Lodi. All’epoca il bottino fu molto consistente (circa 90.000 euro) ma bastarono poche alle forze dell’ordine per chiudere il cerchio ed arrestare esecutori e basisti. Arresti che vennero completati nei mesi successivi con ordinanze di custodia nei confronti di altri componenti della banda palermitana specializzata in rapine ai danni di istituti di credito.