Gaetano Silvestri è il nuovo presidente della Corte Costituzionale

0
62

Gaetano Silvestri, già Rettore dell’Università di Messina, è il nuovo presidente della Corte Costituzionale. E’ stato eletto questa mattina con otto voti, contro i sette di Luigi Mazzella, nominato vicepresidente.
Una votazione tirata quella sul successore di Franco Gallo, sulla quale la Consulta si è spaccata. I due candidati erano stati entrambi eletti nel 2005: Silvestri in quota centrosinistra, Mazzella per il centrodestra.
Il nuovo presidente rimarrà in carica fino al 28 giugno 2014, quando scadranno i nove anni di mandato. Al posto di Gallo è subentrato come noto Giuliano Amato, che ieri ha giurato come giudice costituzionale. A comunicare il risultato del voto è stato il segretario generale della Corte, Giuseppe Troccoli, al termine delle procedure.

Nato a Patti  il 7 giugno del 1944, Silvestri si è laureato in giurisprudenza nel 1966. Nel 1967 ha vinto il premio del presidente della Repubblica per le migliori tesi di diritto costituzionale. Nel 1970 ha vinto il concorso per assistente ordinario alla Cattedra di diritto costituzionale alla facoltà di giurisprudenza di Messina.
Dal 1988 al 1991 è stato componente del Comitato direttivo dell’Associazione italiana dei costituzionalisti. Dal 1990 al 1994 è stato componente del Consiglio superiore della magistratura eletto dal Parlamento. Dal 1996 al 1998 è stato componente della Commissione paritetica per le norme di attuazione dello Statuto della Regione siciliana. Nel 1998 è stato nominato componente del Consiglio scientifico dell’Istituto di studi sulle Regioni del Consiglio nazionale delle ricerche. Rettore, dell’Università di Messina dal 31 luglio 1998, è stato successivamente rieletto per il triennio 2001-2004. Dal 2002 al 2004 è stato vicepresidente della Conferenza dei rettori delle università italiane. Ha una vasta produzione scientifica, comprendente monografie, articoli e note sui principali temi del Diritto costituzionale, tra i quali la separazione dei poteri, la sovranità, il controllo di costituzionalità.