Capo d’Orlando, abitazione devasta da incendio. In salvo due persone

115

Possono definirsi quasi miracolate le due donne scampate questo pomeriggio all’incendio che ha devastato una villetta di contrada Bagnara, piccola frazione sopra Catutè e che separa i comuni di Capo d’Orlando e Naso.
La casa in cui si trovavano al momento del rogo è andata completamente distrutta ma loro, una donna di 84 anni e la nipote sono riuscite ad abbandonare l’edificio a due piani prima di essere travolte dalle fiamme che nel giro di poco tempo hanno letteralmente inghiottito tutto un piano, il primo che però si trova a livello della stradina che collega Catutè con la Statale 113.
Secondo una prima ricostruzione, la pensionata e la nipote si trovavano in casa quando all’improvviso si è sviluppato un corto circuito da un elettrodomestico  che

ha provocato l’innesco all’incendio. Poi le prime fiamme hanno trovato facile esca nelle suppellettili propagandosi infine alla cucina e soprattutto al “tetto canadese” che si è sciolto prima di crollare.
Tutto il primo piano è andato completamente distrutto nonostante l’arrivo della squadra della forestale di Naso, dei Volontari di Protezione Civile di Capo d’Orlando che si sono avvalsi dell’autobotte comunale, e di due squadre dei Vigili del Fuoco giunte da Sant’Agata Militello.  La zona  è stata interdetta al passaggio delle auto dai Vigili Urbani di Capo d’Orlando visto che le fiamme hanno lambito anche i terreni circostanti che costeggiano la stradina.