Patti, allo Sciacca Baratta 80 mesi di stipendio arretrato !

0
492

Delibera votata a maggioranza. Il caso del bilancio 2014 è chiuso, salvo non si ripeta quanto lamentato dalla corte dei conti e anche da una parte dell’opposizione: troppi debiti fuori bilancio, operare in dodicesimi, bilancio approvato a fine anno, ritardi nell’approvazione del consuntivo 2014 e mancanza di capacità di riscossione. Il consiglio comunale ha formulato raccomandazioni al sindaco e all’amministrazione, perché si risolvano queste criticità, che riguardano la maggior parte dei comuni. “A noi serviva ribadire che non c’era il buco di tre milioni di euro alla voce degli investimenti, ha riferito il sindaco, Mauro Aquino, un fatto condiviso dal ragioniere generale e dai revisori dei conti; se non ci trovassimo in questo periodo di recessione, ha concluso il sindaco, non ci sarebbero stati ritardi nei pagamenti ed esposizione di anticipazioni di cassa, la corte ha comunicato anche che, rispetto agli anni precedenti, la situazione sta migliorando.” Chiuso il caso della nota della corte dei conti e delle polemiche collegate alla intempestiva discussione in consiglio, per una dimenticanza del presidente dell’assemblea, Nicola Molica, se ne apre un altro: lo Sciacca Baratta. Il consigliere, Filippo Tripoli, ha richiesto che ridiventi oggetto di dibattito in consiglio comunale, per trovare la quadra. Il cda, presieduto dal dottor, Gaetano Crisà, ha formulato la proposta di estinzione dell’ente, vista la situazione in cui si trovano i lavoratori, che vantano oltre 80 mensilità arretrate. Solo in questo modo si è riusciti a riaccendere i fare sull’ente, visto che, in precedenza, le missive di Crisà erano finite nel nulla, tutto nel dimenticatoio, nonostante il dramma dei lavoratori e delle loro famiglie. Soluzioni: il sindaco Aquino ed il presidente Crisà si vedranno lunedì per fare il punto della situazione. Sul tavolo c’è un’ipotesi di fusione dell’Ipab Sciacca Baratta e l’Ipab Santa Rosa e la nascita di una casa di riposo e di un asilo comunale, con passaggio al comune di attività, patrimonio e maestranze. Gli scogli sono rappresentati da come formulare la proposta dal punto di vista tecnico-amministrativo ed il pregresso, che, per rigor di logica, è a carico della Regione, visto che l’Ipab è un’opera pia regionale.

Morosito