Danno d’immagine. La provincia querela “Striscia” e la Petyx

0
485

Notizie prive di fondamento che hanno recato un gravissimo danno d’immagine. La provincia regionale di Messina non ci sta e cita in giudizio la nota trasmissione satirica di Canale 5 “Striscia la Notizia” e la sua corrispondente siciliana, la pubblicista Stefania Petyx , per il servizio trasmesso all’interno del programma dello scorso 1 Giugno. Quel servizio riguardava le condizioni di presunto degrado ed abbandono dell’area dei Laghetti di Marinello di Patti, riserva naturale orientata gestita proprio dalla provincia.  Al di là dell’ironia musicale e dell’allegro costume, che come di consueto colorano la recita della Petyx, il servizio non è andato giù a molti. Contestati i passaggi in cui si parla di un presunto finanziamento del 2013 per 4 milioni di euro e la presenza di rifiuti abbandonati. Secondo la provincia di Messina, infatti, è del tutto infondata la notizia del finanziamento mentre quei rifiuti abbandonati mostrati nel servizio non si trovano in un’area di pertinenza della riserva. Riguardo gli spezzoni, registrati con un telefonino, che mostrano pneumatici ed una carcassa di animale, si tratterebbe invece di resti trascinati dalle maree. Per tutte queste ragioni, il commissario straordinario Filippo Romano ha conferito l’incarico ad un legale calabrese per querelare Striscia la Notizia e Stefania Petyx chiedendo il riconoscimento di un danno d’immagine non inferiore a 100 mila euro.

Morosito