Rapina alla BPL di Capo d’Orlando, ancora una condanna

0
331

Si è chiuso con una condanna ed una assoluzione, al Tribunale di Patti, il processo di primo grado sulla rapina avvenuta nell’aprile 2011 ai danni della Banca Popolare di Lodi di Capo d’Orlando e  fruttata quasi 97.000 euro. Il collegio giudicante del tribunale di Patti (presidente Ugo Domenico Molina, a latere Mirenna e Mandanici), ha condannato a 5 anni e 2 mesi di reclusione un 29enne, di Capo d’Orlando mentre è stato assolto Giuseppe Pirrotta, 23 anni, di Palermo.
Una condanna addirittura superiore a quanto chiesto dal pubblico ministero Francesca Bonanzinga nella sua requisitoria. L’accusa, infatti aveva chiesto 4 anni e mezzo per l’orlandino e 3 anni e mezzi per Pirrotta. Una decisione  che ovviamente l’avvocato Giacomo Portale, che assiste il giovane orlandino,  giudica «abnorme» e contro la quale è pronto a proporre appello.

Morosito