“Indennizzo”, assolti quattro medici

0
134

Si è concluso con quattro assoluzioni con formula piena, una sentenza di non doversi procedere ed una sola condanna, il rito abbreviato per l’operazione “Indennizzo” scattata nel 2013 nel comprensorio di Barcellona sui falsi incidenti stradali.  Il Gup del Tribunale di Barcellona, Salvatore Pugliese, ha assolto i medici Bernardino Giuseppe Salamone, Giuseppe Luigi Milone, Domenico Giunta e Claudio Aliberti. I quattro erano stati colpiti da misure cautelari nel corso dell’operazione dei carabinieri, scattata il 12 settembre 2013, sui falsi incidenti stradali con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alle truffe alle compagnie di assicurazioni. Con la formula dell’assoluzione più ampia, i medici sono stati completamente scagionati. Dunque è crollato l’impianto accusatorio. Il Pm, Francesco Massara, al termine della sua requisitoria, aveva richiesto 5 anni per Milone e Salamone, 4 anni per Aliberti e 1 anno e 4 mesi per Giunta, Una sola condanna ad un anno e sei mesi, pena sospesa, è stata emessa a carico di Mara Cosimini, imputata di truffa. Il gup ha disposto poi il non luogo a procedere per Giovanni Luciano Impalà, anche lui imputato di truffa, per mancanza di querela. Gli avvocati che hanno difeso gli imputati hanno sottolineato, richiedendo l’assoluzione, i verdetti emessi dal tribunale del riesame e della cassazione, tutti a favore dei loro assistiti.

di Massimo Natoli

Morosito