Castell’Umberto, botta e risposta tra maggioranza e opposizione

0
92
Morosito

E’ bufera a Castell’Umberto dopo l’ultimo attacco dell’opposizione all’amministrazione comunale, in particolare in merito alle indennità percepite dagli assessori. “Sarebbe bene – si legge in una nota diramata dall’amministrazione – di tanto in tanto, cercare di apportare qualche contributo propositivo per la buona amministrazione della comunità, rammentando altresì che quando si scrive o si parla lo si deve fare senza avere quale unico scopo quello di gettare discredito sugli avversari per mero fine di bieca propaganda politica”.

“Quando si intendono riportare i fatti – prosegue la nota – è bene riportarli nella loro precisione, esattezza e interezza. L’indennità netta percepita dagli assessori è di circa 670 euro al mese e si tratta appunto di un’indennità di funzione e non di stipendio come impropriamente e strumentalmente detto dalla minoranza, in quanto la predetta indennità è soggetta a ritenuta d’acconto fiscale e a tassazione, ma non è coperta da alcuna tutela assistenziale e previdenziale. Ben altra cosa sono gli sprechi e i costi della politica”.

L’amministrazione umbertina precisa inoltre che gli assessori per i primi sette mesi di mandato non hanno percepito alcuna indennità e che in futuro “sono disposti a rinunziarvi qualora specifiche necessità lo richiedano”. Infine, i rappresentanti dell’opposizione sono invitati a “verificare, prima di additare gli altri, se nell’ambito della loro compagine, amicizie, sostenitori, i comportamenti siano proprio quelli che essi pretenderebbero dagli altri”.