Capo d’Orlando, quasi ultimato il ripascimento del lungomare

0
209

E’ ormai alle ultime battute il vasto intervento di ricostruzione della spiaggia orlandina  maggiormente sottoposta al fenomeno erosivo. In questi ultimi giorni i camion dell’impresa incaricata hanno scaricato e distribuito i circa 30.000 metri cubi di sabbia prevista. Il lavoro è stato effettuato attraverso un’ordinanza sindacale servita a tamponare l’erosione della spiaggia nei punti in cui, negli ultimi mesi, la costa è stata maggiormente risucchiata dall’avanzata del mare. Con un provvedimento a sorpresa il sindaco Enzo Sindoni ha deciso di intervenire distribuendo circa la sabbia prelevata nella zona di Bagnoli, a ridosso del porto. Il progetto prevede che la sabbia venga distribuita dalle stesse onde all’interno delle scogliere artificiali, allungando la spiaggia durante la stagione estiva.
L’ordinanza aveva preso lo spunto dalle ultime mareggiate che hanno compromesso la stabilità di alcuni tratti di Lungomare Andrea Doria e panoramica per San Gregorio. Ad essere avvicinato dal mare, in particolare, il tratto antistante il parcheggio sotto Promontorio della Madonna ed il tratto compreso fra la Via XXVII Settembre e la Via delle Pergole. Così è stata incaricata l’impresa  Aveni s.r.l. di Barcellona di trasportare e distribuire nei tre punti più a rischio (nei pressi del Lido del Sole, del Lido Luciano e di fronte alla Tartaruga) la sabbia. L’impresa ha praticato  un ribasso del 32,50% sui 200.000 euro previsti inizialmente dal comune.
Nel frattempo, però si comincia a lavorare lungo gli altri tratti dei 12 chilometri di litorale per sistemare l’arredo urbano, sistemare gli accessi al mare e posizionare le docce. Per questo, nei giorni scorsi, l’esperto al verde pubblico, Umberto Cuscunà ha ottenuto 1.500 euro per l’acquisto di piccolo materiale necessario a sostituire gli impianti più vecchi, mentre sul lungomare Ligabue sono state risistemate le palme (che vengono rimosse nei mesi invernali) e rimessi in funzione gli impianti di illuminazione e irrigazione. Altri 450 euro, invece, sono stati destinati all’ufficio acquedotto per l’acquisto, presso l’azienda Irritec, di materiale idraulico vario, al fine di garantire la tempestività degli interventi di riparazione di guasti idrici vari, impianto docce a mare e fontane pubbliche anche nelle giornate festive.