Tiger, addio serie D

0
98

Noto-Tiger Brolo 1-0 d. t. s. (0-0 dopo i tempi regolamentari)

rete: 5′ pts Caci

Noto: Ferla, Petrassi, Peluso, Primo Iznardo, Cucinotta, Marino, Peluso, Caci (113′ Cordeddu), Ficarrotta, Cocuzza (118′ Kabangu), Rizza (82′ Intelisano). All. Giuseppe Romano.

Tiger Brolo: Mannino, Perricone, Librizzi (82′ Addamo), Bica Badan, Ferrante (102′ Di Senso), Falanca, Lupo, Zingales, Sparacello (98′ Saani), De Cristofaro, Calabrese. All. Angelo Galfano.

Arbitro: Riccardo Annaloro di Collegno. Assistenti: Dell’Università di Aprilia e Notarangelo di Cassino.

Note: Ammoniti: Caci, Kabangu (N); Ferrante, De Cristofaro. Espulsi: al 105′ Addamo (T) per doppia ammonizione. Recupero: 0′ pt; 3′ st; 2′ pts; 1′ sts. Spettatori: 700 circa. Angoli: 5-5.

Una stagione in una partita. Una partita che è stata la fotocopia di una stagione: disastrosa. La Tiger sconfitta nel play out dal Noto, per 1 – 0 abbandona la serie D dopo appena dieci mesi di militanza. Sul neutro di Palazzolo Acreide la formazione messinese, al termine di un’annata costellata da tanti alti e bassi, non è riuscita nell’impresa di conservare la categoria. A Brolo infatti quest’anno è successo di tutto: senza un campo dove disputare le gare interne costretti a peregrinare prima Piraino, poi Capo d’Orlando, sostituzione dell’allenatore, via Bellinvia arriva Galfano, ma soprattutto gli innumerevoli problemi societari, con diatribe intestine che hanno minato la serenità di un ambiente che invece aveva bisogno di tanta, tanta tranquillità. La cartina al tornasole di una stagione rovinosa? L’episodio avvenuto al 102’ con il Noto già in vantaggio: Galfano chiama la terza ed ultima sostituzione, fuori Ferrante dentro Di Senso. Stop fine della corsa, la frittata è servita. Fabrizio Ferrante è un classe 1995, Sebastian Di Senso un ’84. In campo quindi manca un under tra le obbligatorietà è dunque errore tecnico. La gara è compromessa anche dal punto di vista regolamentare. Tutto finito, anche l’allenatore è in tilt così come la Tiger. Appunto una partita fotocopia della stagione più che tribolata. E pensare che allo “Scrofani-Sallustro” di Palazzolo davanti ad un grande pubblico, le cose non erano cominciate male per i tigrotti. Al 37′ i tirrenici sfioravano il vantaggio con un colpo di testa in mischia di Librizzi, al rientro dopo un lungo infortunio. Nella ripresa due pericolose conclusioni di De Cristofaro prima e Calabrese, trovavano le pronte Ferla pronto alla risposta. La formazione di Galfano riusciva a giocare meglio e schiaccia i padroni di casa nella propria metà campo. L’azione più importante del match al 92′: Sparacello servito da Calabrese, calcia a botta sicura, con Ferla fuori causa, ci pensa un difensore a salvare sulla linea di porta. Ai supplementari il sogno salvezza della Tiger si spegne dopo appena 5′: i siracusani passano alla prima vera occasione. Su un calcio d’angolo Caci stacca di testa più alto dei difensori brolesi e mette a segno la rete che vale la serie D. Poi è notte fonda con l’errore di Galfano nella sostituzione e l’espulsione di Addamo. La fine di un sogno, l’Eccellenza che si materializza, il ritorno a Brolo ed un futuro a tinte fosche.