Capo d’Orlando, due giorni per parlare di Giustizia

0
74
Morosito

Due giorni di confronto e serrato dibattito a villa Piccolo di Capo d’Orlando per cercare di offrire un contributo alla riforma della giustizia.
Dopo 20 anni di contrapposizione dettata soprattutto da conflitti di interesse e motivazioni politiche, il settore necessita adesso di essere modificato per dare ai cittadini risposte più rapide e maggiore fiducia nel sistema. Concetto ribadito dal presidente della Camera Penale di Patti, Carmelo Occhiuto e del quale si è sostanzialmente parlato nella importante due giorni promossa dalla camera penale ed alla quale ha presenziato il vice ministro della giustizia Enrico Costa.
“Il Governo- ha detto l’esponente politico- è impegnato a mettere mano alle norme soprattutto reperendo ulteriori fondi. Quando un cittadino si rivolge ad un tribunale, lo fa per motivi molto seri e per questo attende risposte e le attende celermente”.
“E’ il momento di trovare strade condivise per migliorare il settore- gli ha fatto eco Beniamino Migliucci, presidente delle Camere Penali Italiane- e per questo auspichiamo processi brevi, all’interno dei quali si formi la prova e soprattutto nei quali giudici e magistrati vengano da percorsi professionali diversi”.